Cerca in News Spazio

giovedì 30 ottobre 2014

Chang'e 5-T1, in corso di svolgimento la nuova avventura Lunare Cinese

(Credit CCTV/CASC)

NEWS SPAZIO :- Finalmente ho trovato un po' di tempo per parlare dell'ultima avventura Lunare Cinese. Si tratta di Chang'e 5-T1, una missione di test attualmente in corso con un obiettivo importante per il programma spaziale Cinese, sperimentare le tecnologie per un rientro dalla Luna.

La missione è iniziata Giovedì 23 Ottobre con il lancio di un razzo vettore Long March 3C/E dallo Xichang Satellite Launch Center, destinazione Luna.



Il lancio è avvenuto alle 20:00 ora Italiana. Il payload è costituito da un modulo di servizio (Service Module) e da una capsula di ritorno (Return Vehicle) ed il primo obiettivo di missione è raggiungere la Luna, circumnavigarla e fare ritorno sulla Terra, simulando le condizioni di rientro di una missione che ritorna campioni di suolo Lunare sulla Terra.

Ecco il lancio



Dopo il decollo il primo stadio ha spinto il veicolo spaziale per 2 min e 38 sec. Una volta terminato il proprio compito vi è stata la separazione dal 2° stadio del razzo, il quale ha acceso i propulsori per 138 secondi.

E' seguita una nuova separazione e l'accensione del 3° stadio, durata circa 5 minuti. Dopodiché Chang'e 5-T1 ha raggiunto l'orbita Terrestre.

Dopo una breve fase di volo libero durata pochi minuti per raggiungere le giuste condizioni vi è stata una seconda accensione del terzo stadio, con lo scopo di immettere la sonda nella traiettoria trans-Lunare.
Circa tre minuti di accensione hanno posizionato Chang'e 5-T1 in una traiettoria di circumnavigazione della Luna e ritorno, con il punto più vicino alla superficie Lunare a circa 10.000 km.

Dopo lo spegnimento del 3° stadio ed un ultimo orientamento del veicolo ha avuto luogo la separazione con la sonda.

Venerdì 24 Ottobre alle ore 10:29 Chang'e 5-T1 ha effettuato la sua prima manovra di correzione della traiettoria (TCM, Trajectory Correction Maneuver) per aggiustare il proprio percorso. Sempre Venerdì i media Cinesi hanno pubblicato questa foto della Terra ripresa dalla sonda

(Credit CCTV)

Erano in programma altre due manovre TCM, ma alla fine ne è stata compiuta solamente una, quando Chang'e 5-T1 si trovava a circa 2/3 di distanza dalla Luna. La sonda è entrata nella sfera di influenza gravitazionale del nostro satellite Lunedì 27 Ottobre intorno alle ore 14:30.

E Lunedì notte c'è stato il massimo avvicinamento alla superficie Lunare, avvenuto alla distanza di circa 12.000 km. Chang'e 5-T1 ha circumnavigato la Luna ed ha ripreso varie immagini. Una molto bella è quella che vedete in cima al post. Eccone un'altra

(Credit CCTV/CASC)

E adesso Chang'e 5-T1 è nel suo volo di ritorno verso la Terra. L'arrivo è previsto per domani, Venerdì 31 Ottobre. E' possibile che vengano svolte nuove manovre TCM per raggiungere la precisione pianificata.

L'obiettivo primario della missione è testare le tecnologie per un rientro da una traiettoria Lunare, il quale rispetto ad un rientro da orbita Terrestre deve dissipare maggiore energia cinetica, circa due volte tanto. La velocità con cui avviene tipicamente un rientro da una traiettoria come quella che sta percorrendo la sonda Cinese è di circa 11 km/sec, di contro ai 7,7 km/sec per una missione orbitale.

Il Modulo di Servizio accompagnerà Chang'e 5-T1 per tutto il viaggio, andata e ritorno. Verrà sganciato al rientro, a circa 5.000 km dalla Terra. A questo punto il Veicolo di Ritorno effettuerà la manovra di rientro mentre il Modulo di Servizio effettuerà un'accensione per evitare il rientro. Non vi sono notizie al riguardo, il Modulo di Servizio potrebbe rientrare in seguito oppure immettersi in orbita.

Il Modulo di Rientro compierà una manovra denominata "Skip Re-Entry", un rientro composto da due fasi. Una prima discesa in atmosfera con una particolare inclinazione porterà Chang'e 5-T1 a raggiungere un'altitudine di 60 km prima di "rimbalzare", allontanandosi a velocità suborbitale dalla Terra in un volo balistico fino a 140 km di altitudine, seguito poi da un rientro controllato ed una discesa con paracadute per terminare con un atterraggio in una particolare area in Cina vicino alla città di Huofutan in Mongolia.

L'idea è questa

(Credit Wikipedia)

Un "rimbalzo" con due discese in atmosfera per dissipare l'enorme energia accumulata. Avete presente quando lanciate un sasso nell'acqua? A seconda della velocità che gli date e della sua inclinazione il sasso può rimbalzare nell'acqua oppure affondare. Il concetto è proprio questo. Fate rimbalzare un sasso nell'acqua. Noterete che l'altezza che raggiunge il sasso dopo ogni rimbalzo va a diminuire, in altre parole ad ogni rimbalzo il sasso dissipa un po' dell'energia cinetica che gli avete impresso quando lo avete lanciato.

Due ingressi successivi in atmosfera quindi, per una manovra che richiede molta precisione per arrivare a concludersi con un atterraggio controllato in un'area prestabilita.
Appuntamento con Chang'e 5-t1 a domani!

18 commenti:

  1. devo dire che i cinesi in fatto di razzo vettore e controllo dei veicoli in orbita sono davvero evoluti. Penso che si stia ripetendo l'ennesima sfida tra superpotenze, dopo usa-urss ora tocca a usa-cina

    RispondiElimina
  2. Ciao Sergio, ti pongo una domanda a bruciapelo: sai dirmi per favore se la tecnica di "rimbalzo" che descrivi è stata già usata in passato da cinesi e non, o si tratta di una prima volta assoluta?

    Come nota personale devo dire che vedo con piacere questo susseguirsi ravvicinato di avventure lunari da parte loro, è come vivere una minima rappresentazione dei tanti piccoli passi compiuti a suo tempo in fretta dagli americani verso la Luna, fino ad arrivare al grande passo finale di Armstrong.

    Saluti. Massimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimo,
      è una prima volta per i Cinesi, ma la manovra di Skip Re-entry (con uno o più "rimbalzi") non è una novità.
      E' stata utilizzata nel programma Sovietico Zond degli anni '60 e '70 del secolo scorso.
      Anche la capsula Apollo (il modulo di comando) delle missioni Americane sulla Luna era in grado di effettuare questa manovra. Ed era un'opzione anche per lo Space Shuttle.
      Ed anche la nuova capsula Orion made in NASA sarà in grado di compierla.

      Elimina
    2. Grazie, risposta molto esaustiva. Non immaginavo fosse così "comune!", pare rischiosa, un calcolo sbagliato e addio.
      Si vede che questo pericolo è compensato da maggiori vantaggi in termini di minore sollecitazione del mezzo, immagino.

      Massimo

      Elimina
    3. Io la vedo anche come una manovra che, se si dimostrerà facilmente fattibile, permetterà costi minori già in fase di costruzione delle sonde, soprattutto per quanto riguarda il rivestimento termico.

      Un uso più efficace, più graduale, del freno aerodinamico permetterebbe di rallentare e dissipare l'energia cinetica e quindi termica, più lentamente.
      Quindi certamente, meno stress, meno rischi di avvicinarsi troppo a quel limite che potrebbe arrostire lei e ciò che contiene e conterrà.
      Sono le loro esercitazioni preliminari.

      Elimina
  3. chissà perché siamo andati sulla luna per poi dimenticarcene.....

    RispondiElimina
  4. Meno male che il numero 3 rappresenterebbe il numero perfetto.

    Ieri con Orb-3 ci siamo fatti un tuffo a cavallo tra il presente ed il passato remoto, un passato visto e rivisto, con forme diverse, ma incerto e pericoloso.
    Belle immagini dei fuochi artificiali lungo la costa in Virginia, bella ripresa quella del secondo video con la nube a piena inquadratura che poi va fuori fuoco senza controllo.
    Ho l’impressione però che anche qualcos’altro sia andato fuori controllo, sia sfuggito di mano agli ingegneri NASA e non NASA …

    Oggi invece facciamo un tuffo tra presente e futuro e vediamo una Cina che prosegue la sua strada in salita continuandoci a stupire.
    La sonda cinese con traiettoria di rientro molto inclinata, saltando sull’atmosfera terrestre come un sasso sull’acqua, io non l’avevo mai vista prima, o perlomeno non come traiettoria voluta e programmata, ma ora vedo qui sopra Sergio che ci spiega di altri che l’avevano fatta e preventivata nel passato.

    Avrei visto con ancor più interesse una traiettoria che prevedesse anche un volo radente molto più vicino alla Luna per poter riprendere Chang’e 3 ed il povero Yutu, inquadrandoli bene con un adeguato teleobiettivo.
    Ci avrebbe stupito ancor di più anche se forse tecnologicamente superfluo.

    E perché non mandare prossimamente dei tecnici astronauti per tentare di ripararlo?
    Eventualmente, per semplificare ed economizzare sulla missione, potrebbero utilizzare dei ragazzini appositamente istruiti e poi lasciarli li sulla Luna a divertirsi per sempre!
    Non occorre riportarli indietro.

    Lo so Pechino, non è da te fare questo, so che non farai mai niente del genere per stupirci, e nemmeno segretamente.
    WE HOPE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hmm..bel suggerimento..:)

      Elimina
    2. Sei partito bene ma sei caduto molto in basso.

      Elimina
    3. Non mi ero accorto Marcello ...

      ..... Ma più in basso dell'Orb-3??
      Dove sono?
      Riesci a capire?
      Mi vedi?

      Aiuto, chiedo soccorso, help me!!
      SOS
      Vienitemi a salvare!

      Elimina
  5. Non sei andato in basso..diciamo che è difficile rimanere sereni e gentili con chi i bambini li usa sul serio per lavori in nero,molto di più che da noi,sottolineo. Ma purtroppo..anche tra gli occidentali..abbiamo chi "AdoOOOora" la Cina senza se e senza porsi un "ma". Pazienza. Spero che Marcello studi il Mandarino,si inchini bene..e sappia prenderlo.

    RispondiElimina
  6. Quindi per voi scrivere che dei bambini vengano lasciati a morire è divertente purchè siano cinesi?
    Bell'umorismo!
    E imparate voi a prenderlo! VERGOGNA!
    Io non adoro nessuno, e i ma me li pongo eccome!
    Siete voi che sparate cazzate senza conoscere a chi vi rivolgete!

    RispondiElimina
  7. Marcelloo, svegliati!
    Wake-up!

    Sei per caso, o eri, un giornalista italiano?
    O solo 'italiano' ?

    Hai capito fischi per fiaschi, hai preso lucciole per lanterne, hai travisato il significato, e daaai ...
    Mi dispiace, ma anche mi innervosisce.
    Devo tradurre dall'italiano all'inglese, oppure viceversa, affinchè tu possa capire almeno in parte il senso del discorso?
    Lascia stare quello che ha scritto Giò successivamente, ieri sera, che è un'altra cosa, ... è un pensiero suo.

    Già prima di postare, mi aspettavo che qualcuno stracapisse qualche cosa.
    Ora posso dire che la mia quasi involontaria cartina di tornasole, come test psicop.......co, ha funzionato abbastanza bene, e ne ho avuto la conferma.
    Conferma poi non necessaria e che in realtà nemmeno cercavo o mi interessava di avere.

    RispondiElimina
  8. Ti dico solo che la mia reazione non è dovuta a tuoi post.
    Per il resto, libero di psicanalizzare chi vuoi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah no?
      Pensavo che ad essere caduto in basso fossi io, secondo quanto avevi scritto tu Marcello.

      Sei per caso del segno dei Gemelli? :)

      Elimina
    2. Mi riferivo al mio secondo post.
      Per il resto, sono ancora convinto che fare battutine su bambini abbandonati a morire sulla Luna, per quanto irreale, sia una caduta in basso rispetto all'inizio del tuo post.
      Poi, pensala come vuoi e fai pure tutta l'ironia sui miei post che vuoi.
      Io la chiudo qui.

      Elimina
    3. Io sono del segno dei Gemelli! Perché, che hai contro il mio segno? Vuoi fare a "noci"? :)

      Elimina
    4. Si, va bene Livio.
      Ma come funziona?
      Tu le metti e io me le mangio, o tu me le tiri e io le ... 'piglio?'

      Porto un nocino?

      ------'-'------

      Altro disastro, oggi Virgin Galactic, si è schiantata al suolo!

      Elimina

Chiunque può liberamente commentare e condividere il proprio pensiero. La sola condizione è voler contribuire alla discussione con un approccio costruttivo e rispettoso verso tutti. Evitate di andare off-topic e niente pubblicità, grazie.